Associazione ambientalista

Comunicato stampa: potatori o boscaioli?

Comunicato stampa

Potatori o boscaioli?

Siamo alle porte dell’inverno e come ogni anno sono ricominciate le potature degli alberi da parte di Aset e delle due ditte a cui Aset ha conferito l’appalto.

Ma definirle potature non è corretto: queste ditte con gli alberi fanno legna da ardere. Non è un caso che alcune persone nel fine settimana scorso si sono precipitate a prendere la legna che era stata lasciata ai piedi dei pioppi che sono stati capitozzati in via Papiria.

Ribadito che la migliore potatura è quella che non si vede, riteniamo che nella modalità abituale Aset e le altre ditte non rispettino ne’le line guida regionali, ne’ i Criteri Minimi Ambientali per il Verde Pubblico (C.A.M.), ne’ le Linee Guida per il Verde Urbano del Ministero dell’Ambiente della Tutela del Territorio e del Mare. La conseguenza di ciò sarà una riduzione della vita residua delle piante e un aumento della pericolosità delle stesse.

Il problema non sta quindi solo nell’esperienza o nella professionalità degli operatori, ma anche nell’assenza del controllo da parte del comune e in un contratto di affidamento del servizio che contiene obiettivi quantitativi e non qualitativi.

Tanto per chiarire, chi ha le competenze per vigilare su Aset e dare indicazioni su come e dove intervenire si occupa di altro: “gestisce la manutenzione dei boschi periurbani e supporta l’U.O.C. o altri Uffici interni nelle attività divulgative, autorizzative e programmatiche”. Inoltre, il contratto sottoscritto tra Aset e Comune prevede che ogni anno siano potati 1960 alberi, senza che siano definiti i criteri con cui si debba sceglierli, dato che il comune non ha un Censimento del verde e nemmeno un Piano del Verde. Per cui le ditte che operano vanno velocemente di motosega, senza troppi fronzoli, l’importante è potare 1960 piante!

Questa situazione è stata segnalata in vari modi, negli ultimi tre anni agli assessori competenti, ma ora le associazioni Argonauta e Lupus e Legambiente si rivolgono direttamente al sindaco per chiedere un incontro, con l’obiettivo di convincere il primo cittadino a mettere il Verde Urbano tra le priorità dell’amministrazione comunale, dotandola degli strumenti amministrativi e delle risorse umane che servono per una gestione moderna e professionale di questo importante bene pubblico.

Fano, 05/12/2022

Il v. presidente

Claudio Orazi

Se ti piace, condividilo con il Mondo!

Newsletter

Resta sempre aggiornato sulle nostre iniziative.
Iscriviti subito alla Newsletter di Lupus in Fabula!

Facebook

Puoi seguirci   sulla nostra pagina ufficiale
oppure commentare e condividere i tuoi post   sul nostro Gruppo

Prossimi Appuntamenti

  1. ESCURSIONE Monte Cardamagna

    29 gennaio