Associazione ambientalista

San Benedetto (ex Manicomio) Lettera aperta al Comune di Pesaro e alla Regione Marche

Lettera aperta al Comune di Pesaro e alla Regione Marche

del 10 marzo 2021

 

La presentazione alla stampa della volontà di Comune e Regione di intervenire per il recupero dell’ex Ospedale psichiatrico San Benedetto ha convinto diversi soggetti, uniti dall’amore per il luogo e la città, a mobilitarsi per un progetto che salvaguardi il bene, ne mantenga la proprietà e garantisca la fruizione pubblica, ne salvaguardi gli spazi aperti e lo adibisca a funzioni decise insieme ai cittadini.

Il gruppo “Tocca el mur”, costituito con l’obiettivo di contribuire ad apportare idee per un progetto unitario di grande spessore e significato come l’edificio e il luogo meritano, ritiene indispensabile intervenire con grandissima urgenza al consolidamento, messa in sicurezza delle coperture, ristrutturazione e recupero del complesso formato dall’edificio, da quattro cortili e dal grande giardino storico: ciò per sottrarlo all’abbandono, al degrado e al rischio di crollo. Il gruppo ritiene inoltre che il progetto debba ricreare il rapporto con gli Orti Giulii, Porta Rimini, Viale della Liberazione, il giardino del bastione dell’Ospedale, Via Passeri e la Biblioteca San Giovanni.

Il Sindaco in Consiglio Comunale ha dichiarato “Non focalizziamoci su un unico bando, proviamole tutte!” Questo gruppo è d’accordo e suggerisce di concorrere al bando uscito da pochi giorni, che sicuramente Ricci conosceva anticipatamente nella sua veste di Presidente Nazionale ALI.  È il bando che riguarda “investimenti in progetti di rigenerazione urbana, volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e di degrado sociale” (DCPM del 21 gennaio, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 6 marzo 2021 n.56). Il DPCM finanzia interventi triennali e, per il triennio2021 -2023, i comuni capoluogo possono usufruire ciascuno di 20 milioni di euro. La misura sembra calzare a pennello con le idee di recupero del San Benedetto che propone questo gruppo, cioè mantenere la proprietà e garantire la fruizione pubbliche del complesso destinandolo ad attività di carattere culturale, educativo e formativo.

Se questa è la volontà, non serve concorrere al bando per la realizzazione di edilizia residenziale che favorirebbe l’uso privato da parte di pochi cittadini di gran parte dell’edificio e degli spazi pubblici, ma predisporre un progetto unitario coerente con le funzioni sopra menzionate.

Il gruppo “Tocca el mur” invita quindi i due Enti a:

  • avviare con la città un processo di progettazione partecipata che permetta di far riappropriare i pesaresi di un’area che nella memoria cittadina è stato sì un luogo di dolore, i cui segni non vanno cancellati, ma anche di sperimentazione e di eccellenza;
  • definire un accordo di programma con la Regione per dare la possibilità al Comune di accedere al bando del 6 marzo 2021 n.56 e al relativo finanziamento;
  • provvedere da subito alla messa in sicurezza di tutti i fabbricati esistenti e, stante i tempi brevi per la scadenza del bando (4 giugno), utilizzare le competenze interne al Comune per la progettazione che deve mantenere integra l’unitarietà dell’edificio e prevedere le funzioni pubbliche, di carattere culturale, educativo e formativo;
  • cogliere l’occasione per riqualificare un’intera area che è anche una parte importante della città, oggi abbandonata, che includa gli Orti Giulii, Porta Rimini, la biblioteca San Giovanni, via Passeri.

 

TOCCA EL MUR

 

Gruppo promotore:

Flavio Angelini

Lorenzo Bertini

Giorgio Bianconi

Paola Elena Cavina

Filippo Crescentini

Alessandro Di Domenico

Maria Teresa Federici

Francesco Ferri

Maurizio Franca

Nicola Giannelli

Vito Inserra

Daniele Lazzari

Ferdinando Leoni

Pierpaolo Loffreda

Stefano Mariani

Mauro Mariotti

Nicoletta Marsano

Antonio Mezzino

Achille Paianini

Simonetta Romagna

Ilva Sartini

Marco Savelli

Marta Scavolini

Clara Tarca

Marinella Topi

Riccardo Paolo Uguccioni

Roberto Vecchiarelli

Donatella Zerbini

Apriti Pesaro

Articolo Uno Pesaro e Urbino

Associazione S.EQU.S

EPCM

FIAB

Gruppozer0

La Lupus in Fabula OdV Associazione Ambientalista

Libera.Mente

Più Europa Pesaro e Urbino

 

Il gruppo “TOCCA EL MUR” si è costituito con l’obiettivo di salvare l’Ex Ospedale Psichiatrico San Benedetto dal degrado e dall’incuria e di restituirlo alla città con un progetto che ne mantenga la proprietà pubblica e ne permetta la fruizione da parte di cittadini e visitatori attraverso la destinazione ad attività culturali, educative e formative e valorizzi gli spazi aperti connettendoli agli Orti Giulii, alla Biblioteca San Giovanni e alle altre aree contermini.

 

“TOCCA EL MUR”

la frase “Tocca el mur” veniva urlata da “Caballero”, ricoverato al San Benedetto, affacciato a una finestra su Via Belvedere all’altezza dell’entrata degli Orti Giulii (ovviamente con grata).

Caballero era un uomo magro, ma con una forza incredibile. Si racconta che lo vedevano salire fino al soffitto puntando braccia e gambe sui fianchi della porta.

La richiesta di toccare il muro non era espressione di un suo disturbo mentale, ma la voglia di fregare le persone che passavano costringendole a fermarsi e compiere, su comando, un’azione senza senso. Quando il passante toccava il muro, Caballero gridava “più in alto, più in alto”. Poi ringraziava il passante e, con una risata compiaciuta per averne fregato un altro, tracciava un’asta (come i bambini in 1^ elementare) su un quaderno. Si racconta che, alla chiusura del manicomio, vennero trovate decine di questi quaderni.

Se ti piace, condividilo con il Mondo!
Presto uscirà il prossimo "è naturale" con le iniziative per i mesi da maggio a luglio. Tenetevi pronti!    Clicca qui per scoprire i prossimi appuntamenti con la Lupus

Newsletter

Resta sempre aggiornato sulle nostre iniziative.
Iscriviti subito alla Newsletter di Lupus in Fabula!

Facebook

Puoi seguirci   sulla nostra pagina ufficiale
oppure commentare e condividere i tuoi post   sul nostro Gruppo