Associazione ambientalista

Quando le catastrofi inizeranno a insegnarci qualcosa?

C’era da aspettarselo! Dopo le recentissime esondazioni di fiumi e torrenti locali, rieccoci a dover fare i conti con alcuni imprenditori locali che annusando il nuovo potenziale business su ghiaie e legname, preme per portare ruspe e motoseghe all’interno dei corsi d’acqua.

Il piano Cave non permette questa possibilità, ma una recente legge regionale, la n. 31 del 12/11/2012 denominata “Norme in materia di gestione dei corsi d’acqua” consente la realizzazione di opere di manutenzione straordinaria e ordinaria per la prevenzione e la messa in sicurezza con la valorizzazione del materiale litoide e della massa legnosa residuale. Ed è appunto a questo materiale che puntano gli imprenditori.

Non siamo certamente contrari alla realizzazione di casse di espansione, e a interventi di manutenzione circoscritti e puntuali qualora sia dimostrata la fragilità di un argine o vi sia un evidente sovralluvionamento, così come non si è contrari a che una Amministrazione Pubblica si muova cercando di contenere i costi. Ma occorre precisare che, ancora una volta, affrontando il problema del rischio idrogeologico la discussione sembra focalizzarsi sugli interventi a valle, sugli elementi ricettori (fiumi), ignorando sia la logica che le buone e ormai collaudate pratiche di gestione del territorio che imporrebbero organici interventi sul bacino idrografico nel suo insieme. E’infatti la totale assenza di proposte sistemiche che affrontino a 360 gradi la questione “gestione del territorio” a rendere poco credibili le dichiarazioni di alcuni politici e di alcune associazioni di categoria.

Siamo certi che il rischio idrogeologico e le tragedie che trascina e di cui siamo, come tutti, profondamente dispiaciuti, non si affrontano solo con opere edili. Bisogna invece mettere in discussione gli stili di vita che provocano il riscaldamento del pianeta e fenomeni metereologici sempre più devastanti; cambiare le norme che consentono di denudare le montagne; vigilare sulle norme di polizia rurale; cambiare la politica delle grandi opere e invece di insistere su TAV, passanti, circonvallazioni, nuove autostrade come la Fano – Grosseto, considerare che la più grande opera di cui ha bisogno il Paese è il risanamento del territorio; dire finalmente basta al cemento, allo sviluppo urbano diffuso e puntare esclusivamente alla riqualificazione dell’enorme patrimonio edilizio esistente.

Ci si accorge che viviamo in un territorio fragilissimo, che abbiamo costruito a ridosso dei corsi d’acqua, che abbiamo impermeabilizzato oltre il limite, solo dopo i disastri.

Ma la soluzione è sempre la stessa: scavare i fiumi, trasformarli in canali, aumentare la velocità di deflusso. Invece di curare il territorio evitando che frani tutto a valle si vuole trasformare i fiumi in autostrade di acqua e fango, ignorando gli equilibri biologici.

Contro questa politica miope e pericolosa ci batteremo sempre con determinazione.

Fano, 16/11/2013

 

La Lupus in Fabula                                        Legambiente Pesaro

Claudio Orazi                                                   Enzo Frulla

Se ti piace, condividilo con il Mondo!

Newsletter

Resta sempre aggiornato sulle nostre iniziative.
Iscriviti subito alla Newsletter di Lupus in Fabula!

Facebook

Puoi seguirci   sulla nostra pagina ufficiale
oppure commentare e condividere i tuoi post   sul nostro Gruppo