Associazione ambientalista

Caos in centro a Fano

Circa quaranta giorni fa l’Assessore alla Mobilità Gianluca Lomartire annunciava che a partire dal mese di novembre ci sarebbero stati “controlli più serrati” in centro storico, lasciando intendere che l’Amm.ne comunale avrebbe posto un freno alla generale situazione di caos e di anarchia. Siamo alla fine di novembre, nuovi vigili sono entrati in servizio, ma nulla è cambiato: mentre il parcheggio multipiano Vanvitelli resta praticamente vuoto, decine di auto sostano quotidianamente lungo vie dedicate allo shopping come il corso Matteotti, davanti a monumenti di pregio come il Duomo, lungo strade strette e pericolose come Via Nolfi. Lo stesso dicasi per il transito di mezzi autorizzati e non, e per il carico e scarico: le regole non sono mai rispettate e talvolta il centro storico è più intasato dell’autostrada nell’esodo di agosto. Ma la cosa più grave è la nascita di nuovi abusi che si trasformano in consuetudine senza che chi ha il dovere di prendere provvedimenti faccia quanto necessario. Il caso in questione è la sosta di auto sullo sterrato/marciapiede di fonte alla scuola in Viale XII Settembre. Sono tre settimane che circa 10 auto sostano giorno e notte su quello che è un frequentatissimo percorso pedonale, ma i vigili non sono ancora riusciti a stroncare il fenomeno e il dirigente alla mobilità dorme sonni tranquilli. Basterebbe mettere dei dissuasori di sosta ed il problema sarebbe risolto. Ma così si disturberebbe qualche automobilista e allora è meglio far finta di non vedere. D’altronde il dato delle multe elevate nel 2008 parla da solo: 5059 multe in meno per divieto di sosta ed ingresso non autorizzato nelle ztl (-35%); 79 multe in meno per infrazione al regolamento sui rifiuti (-41%); 46 in meno per danni al verde pubblico (- 78%). Questi numeri sono il segnale preoccupante di un degrado che avanza in tutti i settori che rendono piacevole e vivibile una città. La politica della tolleranza, unita al populismo dell’attuale maggioranza di governo ha permesso a prepotenti, maleducati ed incivili di avere la meglio sui cittadini rispettosi delle regole e dei diritti altrui. Ai proclami su un maggior rigore nella vigilanza ed agli annunci di restrizioni al traffico veicolare non seguono mai i fatti e ogni giorno lo spazio per pedoni, ciclisti, anziani e diversamente abili si restringe.
Questa situazione di urbana barbarità lascia indifferente anche il maggior partito di opposizione, che per bocca del suo candidato sindaco, assolve le rotatorie e promette complanari e interquartieri.
Visto il livello della classe politica fanese forse è meglio cambiare città, ma in quanti lo possono fare?

Fano, 26/11/2008
La Lupus in Fabula
Il Presidente

Se ti piace, condividilo con il Mondo!

Newsletter

Resta sempre aggiornato sulle nostre iniziative.
Iscriviti subito alla Newsletter di Lupus in Fabula!

Facebook

Puoi seguirci   sulla nostra pagina ufficiale
oppure commentare e condividere i tuoi post   sul nostro Gruppo